Estate sulle Dolomiti

di Leonardo Felician
Luglio 5, 2019

Val di Fassa, massiccio del Sella,  Val Gardena,  Arabba e Marmolada. Escursioni in quota innanzitutto, salendo a piedi o avvalendosi dei numerosi impianti di risalita aperti in estate per permettere a tutti e non solo agli alpinisti di godere delle bellezze e del fascino delle alte cime

Sass Pordoi (1).jpg

 

Cosa fare d’estate a Canazei, l’ultima e la più alta località della Val di Fassa, in posizione spettacolare ai piedi del massiccio del Sella e dei grandi passi dolomitici verso la Val Gardena, verso Arabba e verso la Marmolada? Escursioni in quota innanzitutto, salendo a piedi o avvalendosi dei numerosi impianti di risalita aperti in estate per permettere a tutti e non solo agli alpinisti di godere delle bellezze e del fascino delle alte cime.

 

Sass Pordoi (2).jpg

 

Gli impiantisti ritengono questa offerta un dovere a supporto dell’economia delle vallate, prima ancora che un’occasione di business, ma è anche un contrappasso, un ritorno alle origini: una volta la montagna era soprattutto villeggiatura estiva, poi gli anni ruggenti dello sci alpino, grazie allo sviluppo continuo delle risalite in funivia, seggiovia e skilift, ma anche grazie a indimenticati campioni come Gustav Thoeni, Alberto Tomba e la “valanga azzurra” che hanno trionfato in Coppa del Mondo e alle Olimpiadi, hanno reso estremamente popolare lo sci e fatto dell’inverno la stagione di punta per l’economia delle vallate dolomitiche.

 

Sass Pordoi (4).jpg

 

Nella sola Val di Fassa, spiega Elisa Maccagni, vicepresidente del Consorzio Impianti a Fune Val di Fassa e Carezza nonché dell’ APT della valle, ci si prepara a realizzare importanti investimenti per i prossimi cinque anni in virtù della costruzione di un bacino di innevamento in zona Belvedere sopra Canazei, mentre si stanno portando avanti iter autorizzativi ed effettuando tutte le valutazioni per la sostituzione della funivia di Campitello-Col Rodella, una delle porte di ingresso più importanti del Sella Ronda e del circuito Dolomiti Superski, ma anche per l'impianto Col de Valvacin in zona Buffaure sopra a Pozza di Fassa.

 

Sass Pordoi (6).jpg

 

Per utilizzare d’estate le risalite ci sono diverse possibilità che vanno dal Dolomiti Supersummer in circolarità estiva come gli skilift invernali su tutto l’arco dolomitico alle tessere di vallata valide uno o più giorni contigui o anche a scelta, dalle corse andata e ritorno sui diversi impianti alle corse singole per chi desidera camminare a piedi. Una delle risalite da fare almeno una volta nella vita è la funivia del Sass Pordoi, che si raggiunge con l’inerpicata strada che sale da Canazei serpeggiando con ben 27 tornanti e porta poi in pochi minuti a 2950 metri di altezza sulla Terrazza delle Dolomiti nel Gruppo del Sella, una delle vette più alte delle Dolomiti dopo i 3300 metri di punta Rocca sulla Marmolada

 

Sass Pordoi (8).jpg

 

Dall’arrivo della funivia solo un quarto d’ora di passeggiata separa dal primo rifugio, Forcella Pordoi, con un suggestivo paesaggio di neve rimasta dalle abbondanti nevicate di aprile e maggio. Chi ha più fiato e pazienza può proseguire verso il rifugio Boè o scendere dalla montagna con sentieri che portano sugli altri lati del Sella, verso la Val Badia e la Val Gardena.

 

Sass Pordoi (10).jpg

 

Per pernottare a Canazei non mancano certo buoni alberghi in tutte le categorie: in posizione comoda e centrale il Wellness & Beauty Hotel La Perla è un quattro stelle a gestione familiare dove Lidia Debertol con il marito e i figli accoglie gli ospiti come amici di vecchia data.

Info: www.valdifassa.com

VC Canazei, Hotel La Perla (8)(1).jpg

 

 

VC Canazei, Hotel La Perla (1).jpg

 

 

VC LaPerlaWellness.jpg