Loading...

Hotel Bleibergerhof in Carinzia

di Donato Sinigaglia
Ott. 11, 2017

Il vero relax tra salute terme e miniere

Da paese di minatori a località per le cure con le acque termali ricche di proprietà benefiche. Bad Bleiberg, 920 metri di altitudine, è un’amena località della Carizina, nella cuore della valle del Gail, poco dopo il confine italiano. Fuori dal circuito del turismo di massa si trova al centro del Parco Naturale del Monte Dobratsch e del monte Erzberg, nelle cui viscere ci sono ben 1300 chilometri di cunicoli e gallerie, scavati dai minatori in 660 anni. Qui c’è l’hotel Bleibergerhof, quattro stelle, da poco preso in gestione dal Gruppo Fidelity Hotel & Resort, che mette a disposizione degli ospiti una piscina interna e una esterna con l’acqua termale pura che contiene idrogeno, magnesio  e carbonato utili per curare artrosi, nevralgie e malattie reumatiche. Inoltre, c’è il laghetto con acqua di montagna senza cloro e la luminosa Spa. Dall’hotel un sentiero conduce agli ingressi delle miniere, alcune in parte visitabili. Un’escursione da non perdere per capire la storia e la cultura mineraria di Bad Bleiberg. Bleiberg significa “monte del piombo” (dalle miniere si estraeva principalmente piombo e zinco). Dopo la scoperta fortuita dell’acqua termale, il nome si è arricchito del prefisso “Bad” che significa “stazione termale”. Tutto il comprensorio è inserito, dal 2010, nell’elenco Unesco.

 

Hotel Bleibergerhof: La prima caratteristica è che l’hotel è adatto alle famiglie: molte stanze hanno le camere comunicanti. Massima attenzione poi viene data al relax vero. “Ho messo al primo posto – assicura il direttore Frédéric Schmidt – il benessere dei nostri ospiti sia con famiglia che in coppia. Diamo l’opportunità alle coppie di creare un proprio nido intimo ed un programma relax su misura”. L’hotel dispone di una zona benessere di 2.500 metri quadrati, con piscina interna ed esterna di acqua termale, sauna, bagno turco, cabina a raggi infrarossi ed il laghetto naturale balneabile. Nell’ampio giardino si trova anche la speciale “sauna della terra” all’aperto, un percorso emozionale completo per regalare relax e rigenerare la propria forma fisica. Ci si scalda alle alte temperature di questa grande sauna (nel pomeriggio ci sono anche diversi “Aufguss”) e ci si rinfresca nell’acqua naturale del laghetto, che resta tutto l’anno a temperatura ambiente. D’inverno è ghiacciato (ottimo per il pediluvio), d’estate è un laghetto balneabile a temperatura di 25 gradi. Autunno e primavera l’acqua è fresca: un bagno in acqua per rinfrescarsi dopo la sauna, costituiscono un toccasana rigenerante. L’impressionante cornice dei monti della Carinzia completa il quadro, garantendo in modo naturale la soluzione perfetta per evadere dallo stress quotidiano e rigenerare i sensi, unendo benessere, eleganza, ospitalità ad un ambiente innovativo grazie alle proposte di pacchetti benessere e alle fantastiche novità legate al benessere regionale, come l’utilizzo delle piante alpine. L’hotel ha 75 camere e 33 suite. Tutte le stanze sono per non fumatori, inoltre c’è una camera totalmente anallergica per chi soffre di particolari allergie. In tutte le stanze sono disponibili letti extra lunghi, di oltre due metri, e 12 camere possono accogliere comodamente famiglie numerose, insomma non ci sono scuse per il confort, all’hotel Bleibergerhof è obbligatorio e compreso nel servizio. Il costo, varia dai periodi: si parte dai 99 euro a persona in mezza pensione.

 

Cucina tradizionale della Carinzia: Grande attenzione viene data alla cucina che punta sulla tradizione. Fin dalla prima colazione a buffet sono già disponibili cibi naturali per qualsiasi intolleranza ed i prodotti tipici della Carinzia allietano i palati che cercano gusto e naturalità, mentre la cena, con menù a scelta di 5 portate, soddisfa, contemporaneamente e senza distinzione, golosi e super-affamati in un connubio di sapori tradizionali e cucina gourmet per assaporare al meglio tutti i gusti naturali a chilometro zero e soddisfare l’appetito che la fine aria dell’ambiente montano, uniti al movimento ed al benessere del soggiorno, producono in modo spontaneo negli ospiti. Ai fornelli c’è lo chef Jürgen Bauer, 1 cappello Gault Millau.

 

Wellness e terme: La piscina termale sia interna sia esterna promette un salutare relax: insieme alla sauna finlandese, al bagno turco, alla sauna alle erbe, alla sauna esterna affacciata al laghetto naturale, alla cabina a raggi infrarossi e all’hammam orientale ci sono tutti gli ingredienti per una vacanza di benessere in un luogo tranquillo. Come da tradizione, durante la giornata vengono proposte emozionanti gettate di vapore.

La scoperta dell’acqua termale: Nata come cittadina di miniere e minatori, Bad Bleiberg fino al 1951 era legata alla dura attività mineraria. Casualmente, nel 1951 durante alcuni lavori di perforazione, fu trovata l’acqua termale: in pochi minuti le gallerie furono invase da un’acqua che sgorgava con una portata di 2800 litri al minuto. Per arginare il flusso venne costruito un tappo in cemento armato dal diametro di 6 metri. Solo 10 anni più tardi l’acqua fu riconosciuta come “fonte termale”; nel frattempo i minatori “crearono” sottoterra delle piccole piscine per riposare, traendone benefici. Il paese di “Bleiberg” prese la denominazione di “Bad Bleiberg” cioè “Bagni Bleiberg” per indicare la località termale. Le miniere furono definitivamente chiuse nel 1993.

 

Le private spa: Amate e gettonate dalle coppie sono le due private spa, due nidi intimi per rilassarsi in una piccola e romantica spa privata. La spa in stile rustico è sensuale e molto calda, ci si rilassa nella sauna sdraiati su poltrone di fieno di montagna si assaggiano le specialità carinziane regionali con il vino della Carinzia, e altre dolci delizie. Il pacchetto include una profumata e rilassante bagno alla camomilla, lavanda o ai petali di rosa. 120 minuti € 90. La spa privata dal design contemporaneo sorprende per la linea moderna, ha una whirlpool, sauna, bagno turco, letto ad acqua. Anche qui si è accompagnati da deliziose specialità carinziane regionali con dell’ottimo vino. 2 ore, 120 euro, compreso piatto di frutta e spumante.

I massaggi: La carta dei massaggi e dei trattamenti è molto varia: non mancano i massaggi tradizionali come il massaggio sportivo, la riflessologia, il drenaggio linfatico, cui si aggiungono il massaggio alla schiena "metodo Seebacher", il “Carinzia Hamam” e altri trattamenti tipici regionali con prodotti naturali del territorio. Ci sono poi i diversi bagni e massaggi con le erbe e massaggi “dal mondo” come il Lomi Lomi Nui, il trattamento cranio sacrale, il Hanakasumi e altri trattamenti orientali.

 

Le erbe: Come gli antenati, gli esperti della Spa conoscono molto bene le proprietà delle erbe della Carinzia. Nella spa c’è un variopinto menu con tanti tipi di oli ricavati dalle erbe del territorio: olio di lavanda che trasmette serenità e sicurezza, agisce contro l’insonnia, nervosismo e irrequietezza; l’olio di rosmarino ha un profumo speziato, porta nuova energia e forza, stimola la circolazione e allevia il dolore per i dolori muscolari e reumatici. L’olio di menta è rinfrescante, migliora la circolazione e combatte mal di testa e nausea. L’olio di camomilla rafforza i nervi, lenisce e ha un effetto positivo sui muscoli, le vie respiratorie e gastrointestinali, il cuore e la circolazione. L’olio all’ iperico riequilibra corpo, mente e spirito e armonizza i sentimenti, ottimo rimedio per contusioni, dolori muscolari e dolori reumatici. Non può mancare l’olio di Calendula che assicura comfort e calore emotivo, benefico in caso di distorsioni, contusioni; è anche un ottimo olio per la cura della pelle e rafforza anche gli organi digestivi. L’olio di arnica trasmette freschezza, vitalità e forza vitale, migliora la circolazione e aiuta a lenire i dolori reumatici. L’olio alle rose calma lo stress e regala fiducia; rafforza cuore e reni e combatte il mal di testa.

 

Villach e Paracelso: Poco lontano dall’hotel c’è Villach, seconda città della Carinzia, con un grazioso centro storico dominato dal duomo di San Giacomo il cui interno custodisce un prezioso pulpito fatto a forma di calice. Percorrendo la via centrale vicino alla Seilergasse, al numero 18 una targa in bassorilievo indica la casa dove visse Philippus Aureolus Theophrastus Bombastus von Hohenheim, ovvero Paracelso, il noto medico, astrologo, farmacista e alchimista nato in Svizzera nel 1493. Paracelso amava entrare nelle miniere di Bad Bleiberg e vagare per gli stretti cunicoli alla ricerca di preziosi minerali.

 

Terra Mistica: Vicino all’hotel Bad Bleibergerhof sorge “Terra Mystica”, l’unica miniera ancora visitabile, trasformata in un percorso didattico per adulti e per bambini. Le gallerie dove un tempo i minatori scavavano piombo e zinco sono ora  un interessante itinerario che mostra pericoli e fatiche del lavoro in miniera. Dopo aver indossato pantaloni, giacca e casco, come veri e propri minatori, si accede alle profondità delle miniere attraverso uno scivolo sotterraneo di 68 metri, il più lungo d'Europa, e, accompagnati dalle guide esperte, si cammina alla scoperta di cunicoli e labirinti sotterranei, vecchi strumenti e macchine, spettacoli multimediali, suoni, colori, luci, una ruota idraulica del 1831 che fanno rivivere il passato di migliaia di persone che in 660 anni hanno lavorato in dure condizioni.

 

Info: Hotel Therme Bleibergerhof

Drei Lärchen 150
9530 Bleiberg-Nötsch, Kärnten, Austria

Tel. +43 4244 2205