Concluso Tuttofood 2019

di Leonardo Felician
Maggio 12, 2019

Numeri da record per la manifestazione dedicata alle cose buone d'Italia e non solo 

TUTTOFOOD.jpg

 

Si è conclusa con numeri da record Tuttofood 2019, la manifestazione biennale leader nell’agroalimentare in Italia, un appuntamento classico e molto atteso dagli operatori di settore. D’altra parte, come è stato detto alla presenza del Presidente del Consiglio Conte nel primo Forum dell’agroalimentare italiano promosso da Filiera Italia e Coldiretti durante la rassegna organizzata da Fiera di Milano nella sede di Rho, l’agroalimentare italiano vale 205 miliardi e non solo raggiunge il 12% del PIL del Paese, ma è anche il biglietto da visita dell’intera economia all’estero dove rappresenta il vero simbolo del Made in Italy.

 

Ravidà.jpg

 

Come dice il nome stesso, TuttoFood si rivolge a tutti i settori alimentari, innanzitutto quelli di più grande spessore: accanto a prodotti come vino, birra, caffè, prodotti da forno ha fatto la parte del leone anche l’olio con numerosi produttori da tutte le regioni italiane, con una prevalenza evidente del Meridione. L’Azienda Agricola Ravidà coltiva uliveti a Menfi in provincia di Agrigento e produce olio extravergine di oliva e condimenti aromatizzati miscelando le tre varietà di olive tipiche della Sicilia occidentale cerasuola, biancolilla e nocellara del Belice.

 

Rivoltini.jpg

 

Ma non sono mancati espositori in settori più piccoli e anche veramente di nicchia, che non facili da rappresentare ai numerosi operatori e buyer stranieri presenti in fiera. A TuttoFood 2019 si sono presentati diversi produttori di torrone artigianale, che in Italia ha una tradizione regionale antica, con prodotti che non rientrano affatto nella categoria inglese “nougat”. Cremona è conosciuta in Italia come patria del torrone. A Vescovato, non lontano dal capoluogo lombardo, l’Alimentare Dolciaria Rivoltini produce torrone con una ricetta originale del 1441 utilizzando una tipica caldaia a vapore per la cottura dell’impasto.

 

DiIorio.jpg

 

Anche nella regione Campania il torrone ha una solida tradizione. Ingredienti semplici e pregiati danno origine a un prodotto che in tutte le stagioni appassiona degustatori in tutta Italia. Le Fabbriche Riunite Torrone di Benevento hanno radici che risalgono al 1908, quando in città esistevano numerose fabbriche artigianali, poi riunite appunto da una tradizione oggi tramandata dalla famiglia che porta avanti questa attività. Il Torrone Rosa classico con mandorle, quello tenero con mandorle pelate o al gianduia con nocciole, nonché quello ricoperto con cioccolato fondente extrafine sono i prodotti più rappresentativi, proposti in varie confezioni.

 

TorroneDiBenevento (1).jpg

 

A Montemiletto, nella vicina provincia di Avellino si trova invece l’Industria Dolciaria Di Iorio la cui tradizione risale addirittura al 1750. L’azienda è passata di generazione in generazione rimanendo sempre nella stessa famiglia: la qualità degli ingredienti in gran parte a chilometro zero, la cottura lenta con più di 16 ore di lavorazione, la passione per la qualità fanno il successo di un prodotto che sa rinnovarsi mantenendosi fedele alla tradizione.

TorroneDiBenevento (2).jpg

 

Fabbriche Riunite Torrone di Benevento -  Viale Principe di Napoli 123, Benevento (BN)  Tel. 0824 21624   Email: info@frtb.it   www.frtb.it

 

Torrone Di Iorio srl  -  Via Frustelle 61, Montemiletto (AV)  Tel. 0825 963067 Email: info@diiorio1750.it   www.diiorio1750.it

 

Alimentare Dolciaria Rivoltini  Via delle Industrie 22, Vescovato (CR)  Tel. 0372 830568   Email: rivoltini@rivoltini.com  www.rivoltini.com

 

Azienda Agricola Ravidà  Contrada Guerra Sp48 km 3, Menfi (AG)   Tel. 348 2491682  natalia@ravida.it   www.ravidaoil.com