La Tuscia del Vino 2019

di Vinoecibo
Dic. 4, 2018

Presentazione a Orvieto della guida curata da Carlo Zucchetti

13325728_117287998692841_3635131605719425388_n.jpg

 

Quarta edizione de La Tuscia del Vino dell'enogastronomo con il cappello che presenta un territorio enoico, ridisegnato seguendo confini che cercano nella sedimentazione del terreno una loro ragione e individuano tra le pieghe nascoste della storia i segni di un'appartenenza comune. Un lavoro di di indagine e ricerca che anche questa volta fa emergere le radici antiche e quasi misteriose di un territorio che ha visto nascere la grande civiltà Etrusca. Una regione senza tempo che annulla i confini geografici cui siamo abituati al giorno d'oggi per incontrare quelli della Tuscia, patria della D.O.C. Orvieto, del Cilegiolo di Narni I.G.T., della D.O.C. Bianco di Pitigliano, dell'I.G.T. Costa Etrusco Romana fino a Veio.

 

42855038_1987590811303643_5172906946864349184_n.jpg

 

Divisa in 12 areali  pensati e introdotti da una descrizione geologica di Sara Ronca del Dipartimento di Scienze della Terra della Sapienza Università di Roma, la Tuscia del Vino 2017-18 presenta più di150 cantine corredate da informazioni utili: indirizzi, numero di bottiglie prodotte, estensione vitata, enologo; oltre 800 vini degustati tra cui sono stati segnalati una settantina di 3Est! Ovvero i vini che meritano una lunga sosta; una trentina invece, le cantine che conquistano il cappello, simbolo di coerenza e chiarezza del progetto.
Insomma una guida da scoprire come i tesori che descrive e indispensabile per chi vuole perdersi tra i vigneti della Tuscia, e vuole ritrovarsi seguendo suggestioni anche geologiche e appropriarsi di un territorio ricco di vini da cui lasciarsi sedurre e che meritano una lunga sosta.

 

tuscia del vino.jpg

Dettagli e ultriori informazioni