Il rosso IGP colora la cucina delle Prealpi Bellunesi

di vinoecibo
Gen. 22, 2018

Fino a domenica 28 gennaio la Settimana del Radicchio alla Locanda Cappello di Mel

 

La rassegna gastronomica “ A tavola con i Fiori d’Inverno” , organizzata dal Consorzio Ristoranti del Radicchio, fa tappa in Valbelluna, l’ampia media valle del Piave, per incontrare la rinomata cucina  della  Locanda Cappello, ristorante storico risalente al 1730,  inserito tra i locali storici d’Italia.  Alla guida c’è oggi Giuseppe Agostini, ristoratore e chef di lungo corso trevigiano, “salito” a  Mel cinque anni fa  su invito della famiglia Bresolin, che nel 2005 ha rilevato l’Antica Locanda Cappello.  “Beppe” Agostini da anni fa parte dei  Ristoranti del Radicchio, già titolare di noti locali di  Castelfranco Veneto, la patria del pregiato Variegato IGP,  che insieme al Rosso di Treviso IGP costituisce il gustoso bouquet dei “Fiori d’Inverno”.

 

radicchio di treviso rosso.jpg

 

Al Variegato, chiamato anche Rosa di Castelfranco, è dedicato il piatto con le carni di pernice e gialét,  detto anche fasol biso o solferino, prodotto tipico della Valbelluna, arricchito da radicchio precoce brasato alla Pavana.  Tesori gastronomici del territorio selezionai da Agostini per il menu degustazione che promuove, anche sotto le Prealpi  bellunesi, i radicchi della Marca Gioiosa nella settimana da martedì 23 a domenica 28 gennaio. Gli altri piatti in degustazione sono in apertura  il Piaveggiano d’Oro di Radicchi IGP e poi il Riso Venere  in forma  su ragù di carne  e radicchio tardivo di Treviso  IGP  al rosmarino. Per il dessert la scelta è ricaduta su un dolce che dal Veneto si è diffuso in tutto il mondo: “Più trevigiano di così non si può. Tiramisù di radicchio, nocciole e giuggiole”. Da gustare sorseggiando il brodo di giuggiole zumellesi. Agli altri  piatti saranno abbinati  i vini Bianchetta Dolomiti IGT, Kerner A.A. Doc e Raffael Valpolicella Doc.

Antica Locanda Cappello

 

 

locanda cappello, Mel, Belluno.jpg